22.11.06

lo Stereotipo

E' assurdo come una immagine si infili in un pensiero e ci faccia la tana, senza lasciarlo un attimo.
Quando proprio nel momento in cui nulla è permesso mi torni in mente il rischio e l'azzardo di quegli occhi scuri.
Che mannaggia a lui si è pure tagliato i capelli,e manco l'ho visto.
Peccato,i riccioli neri un po' lunghi e ribelli erano parte intrinseca del fascino,insieme al sorriso da faccia da schiaffi e quell'autostima disarmante.
E l'intelligenza,la curiosità per il mondo in cui vive,ovviamente.
Ogni tanto incontro il mio stereotipo perfetto.
Ogni donna ne ha uno.
Poi finisce che ti innamori,chessò,di uno che vota forza italia,però nella tua testa,quando ti chiedono "ma qual'è il tuo uomo ideale?" si materializza lui.
lo Stereotipo.
Possibilmente carino,possibilmente bel sorriso,possibilmente cervello spettacolare.
Shakerare tutto con un po' di impertinenza e una buona dose di calma e controllo di sè,e mi si ha in pugno.
Bene, ho incrociato nella mia vita recente lo Stereotipo, e la mia vita recentissima però non ha spazio per gingilli emozionali che non siano parte del programma d'esame.
Proprio per questo lo Stereotipo ha deciso di farmi un dispetto e continuare a venirmi in mente.

2 commenti:

Francesco ha detto...

oh mio Dio, non puoi mica sempre e solo pensare all'università!!! uscissi con il tuo stereotipo sicuramente studieresti meglio e con meno stress...
Lasciati vivere!!!

Asended ha detto...

io li odio, gli stereotipi...