22.6.06

Pms: se la conosci,tenti di evitarla.

Non solo la ammucchiata di cose da fare.
Non solo la dieta,e il collassare perchè fa.troppo.caldo.
Non solo i libri che si ammucchiano,le amiche che svalvolano e tu che di conseguenza svalvoli più di loro.
Non solo la fila all'anagrafe durata 20 minuti per un maledetto certificato di stato di famiglia (e sono 26 centesimi! 26! perchè non 25?).

No.

Ci si mettono gli ormoni,e giù a piangere anche senza motivo.
Urge post sul LSI sulla sindrome premestruale. Perchè va conosciuta da tutti: se sei donna, impari a tollerarla,se sei uomo a interpretarla.

Io sono donna,la conosco da un decennio,ma questo mese LA ODIO.
Provo ad uscire con l'unica persona che mi sopporta da sei anni di filato,e che mi manda affanculo senza che io me la prenda,perchè so che ha ragione.
Rarissimo,credo che non me la prenderò nemmeno in questo stato.
Ma potrei urlare per un'ora buona se con la macchina becco un semaforo rosso.
Essere donna oggi: Elio aveva già capito tutto.

3 commenti:

zefirina ha detto...

non ti lamentare della sindrome premestruale perchè a quanto vedo in giro anche la sindrome pre, durante e dopo menopausa non è che sia migliore, alla mia età non so se essere contenta di avere ancora le "mie cose" (chissà perchè non si riesce mai a dire mestruazioni) o pregare di passare alla fase successiva, mi sono stufata di prendere la pillola da una vita, mi ha fatto sorridere la battuta di Diane Keaton a Jack Nicholson (su Tutto può succedere)quando stanno per fare l'amore e lui le chiede: "usi qualche contraccettivo" e lei gli risponde: "la menopausa", che liberazione!!!

Anonimo ha detto...

urla e piangi quanto vuoi.
ma mi raccomando, cerca di essere abbastanza in forma per lunedi sera.

Fabio Artigiani ha detto...

De André in "L'infanzia di Maria" (dall'album "La Buona Novella", superconsigliato - secondo me il miglior di Faber), dice:
"E quando i sacerdoti ti rifiutarono alloggio, avevi dodici anni e nessuna colpa addosso, ma per i sacerdoti fu colpa il tuo maggio, la tua verginità che si tingeva di rosso".
In duemila anni qualcosa è cambiato, ma, secondo me, troppo poco...
;)