5.11.05

Patetica. Nostalgica. Melensa.

Mi riferisco a un abbraccio così inaspettato e così bello da risvegliare sensazioni sopite da anni.
“Ma non me lo dai,un bacino?”
E via,a pensare a quando mi spediva poesie e io spedivo le mie,e eravamo felici,incoscienti e minorenni.
E oggi si è accorto che avevo lisciato i capelli,e son quelle cose che una donna la mandano in brodo di giuggiole.

E' sempre stato l'unico ad accorgersi di quando andavo dal parrucchiere,anche quando ci vedevamo ai concertini di un paesino che finisce,come tutti qua intorno pare, in -ate.

Mi vergogno così tanto di scrivere ancora di lui.
Era tutto ben chiuso a chiave nel cassetto delle cose finite,quelle che non hanno più cassa di risonanza,e invece ne scrivo ancora.

L'ultima volta,eravamo appena maggiorenni.

Non siamo stati insieme e forse mai sarà così, vorrei togliere il forse ma stasera non è il caso.

E' che mi piacerebbe alzare il telefono e dire
“Te lo ricordi,quanto abbiamo riso?
Te le ricordi le battutacce e le mie domande così innocenti,i tuoi sms dove mi dicevi che come con me non parlavi con nessuna?
Perchè non parliamo più? Perchè delle volte ci vediamo e non riesco più a dirtelo esattamente,cosa sto provando,perchè tu non me lo chiedi più?
Ci siamo sempre avvicinati nei momenti sbagliati, e hai voglia a sentire quel simpaticone del nostro amico che mi dice che per una bottarella a casa mia ci correresti. Non è la bottarella, era il ragazzo che mi passava i fazzoletti di carta quando ero lasciata di fresco e che mi scriveva le mail lunghe chilometri.
Quello di cui mi ero fidata. E avevo fatto bene.
Possiamo tornare così? Voglio avere ancora diciassette anni,e voglio salutarti per la prima volta in vita mia in manifestazione.
Ricominciamo da capo. Coi miei filarini e coi tuoi,cambiamo le scelte, stravolgiamo la storia, riprendiamo da dove abbiamo lasciato,che poi non me lo ricordo nemmeno più, il momento esatto in cui si è sgretolato tutto.
Mi manchi da matti.”

Poi lo so,il futuro non si conosce, non ci si bagna mai due volte nelle stesse acque e via discorrendo.

Ma accidenti,quanto ti ho pensato,stasera.

2 commenti:

Fabio Artigiani ha detto...

Oltre a "patetica", "nostalgica" e "melensa", aggiungerei "bellissima". Questo post è proprio bello! Veramente mi ha toccato, mi ha emozionato. Grazie.

Anonimo ha detto...

ehi bestiolina! ciao!
io continuo a leggerti! =D
*musci*