1.6.06

Imagine

Mamma "Non vorrei essere una retrograda, ma caspita, ai miei tempi era diverso,ai miei tempi era meglio,c'era qualche speranza,almeno" (30/5/06)

Delle volte vorrei essere nata intorno al 1950,un filino prima,un filino dopo,non importa.
Avrei voluto,effettivamente,vivere quel periodo.
Anzi,magari viverlo più volte,una per ogni posto del mondo,una per ogni storia locale.
Però se dovessi scegliere,credo sarebbe divertente poter nascere in un piccolo paesino vicino a Londra, in quegli anni.
Aspettare,dodicenne, che il fratello maggiore torni dal lavoro e sbuffando mi porti a vedere i Beatles prendendo una corriera.
Infilare i calzettoni sotto la gonna nera,lunga sotto il ginocchio,rigorosamente, e andare a ballare Love Me Do, come se non avessi mai sentito niente di meglio.
Agli inizi sicuramente avrei preso una favolosa cotta per Paul, ma poi,con gli anni,mi sarei lasciata irretire dal fascino inquieto di John.
E avrei marciato contro le guerre, mettendo fiori nei loro cannoni.
Avrei fumato seduta sul bordo della finestra della scuola,come ci raccontava la mia ex prof di matematica, mentre un insegnante qualunque avrebbe tentato,poverino, di illuminarci con la sua conoscenza.
Non so quanto sesso avrei fatto,onestamente,conoscendomi. Sicuramente più di quanto possa farne ora, chissà in quali limiti,poi.
Avrei girato la Gran Bretagna in tenda con quattro amici e un fidanzato mezzo poeta mezzo filosofo e mezzo imbecille.
Ci avrei litigato furiosamente,e avrei fatto l'autostop fino a casa,piangendo come una disperata dentro un furgoncino Volkswagen.
Mi sarei fatta consolare da un uomo dai capelli lunghi -e puliti- per poi scivolare dolcemente verso la fine degli anni settanta.
Con la convinzione,ancora, di poter far qualcosa.
Che forse ai tempi,non era del tutto campata in aria.

Imagine all the people sharing all the world (John Lennon)

4 commenti:

Le Diable Saint ha detto...

Anche io anche io anche io! Avrei voluto uno di quei furgoni da trasformare in camper. L'avrei dipinto di colori sgargianti e sopra ci avrei disegnato un fiore enorme. O magari una foglia di maria (anche se non fumo per niente :p). E poi in giro con quello, su e giù, senza fare nulla, a raccattare amici e amiche e suonare la chitarra. E mi sarebbe anche piaciuto provare la vita in una comune...

Francesco ha detto...

Io avrei voluto nascere negli anni 20 negli USA! Probabilmente però in questo modo, sì avrei vissuto una giovinezza serena e una maturità tranquilla ma ora sarei troppo stanco per lottare e cercare di cambiare le cose!

Fabio Artigiani ha detto...

Nemmeno oggi è campata in aria.
Un altro mondo è possibile: davvero, senza retoriche, partendo da quello dentro di noi.

grig-io ha detto...

"c'era qualche speranza, almeno" penso che dica semplicemente tutto.
viva il pullmino Volkswagen e lo sperare in un ritorno di voglia in queste società moscie